Pedagogia

Home > pedagogia
 
 

Tuttinpiazza a Brandizzo, video breve di Diego Diaz, durata 10' 16''

Da anni il Faber Teater affianca all'attività artistica e a quella organizzativa, l'attività pedagogica. Questo perchè crede fortemente nel valore formativo del teatro e in particolare del proprio modo di privilegiare la dimensione del gruppo, del collettivo, per la crescita dell'individuo. Crede nel teatro come strumento, nel complesso e caotico mondo in cui ci troviamo a vivere, capace di aiutare l'individuo a ritrovare capacità espressive e relazionali; in particolare nell'età scolastica, vede il teatro affiancato allo sport e alla scuola, per il percorso di sviluppo armonico dei bambini e dei ragazzi.
Uno degli obiettivi principali è far vivere ed approfondire a ragazzi, a giovani e ad adulti di tutte le età (anche in maniera diversa e divertente) la conoscienza di sè in relazione al proprio corpo, allo spazio, agli altri, attraverso l’uso di tecniche prettamente teatrali.
Per chiarire meglio questi tre aspetti (corpo, spazio, altri), ecco alcuni approfondimenti:
Il corpo - Ai partecipanti vengono proposti esercizi, giochi ed esperienze, che, a partire dal corpo, lavorino su agilità, equilibrio, precisione. Situazioni che li mettano alla prova nel saper eseguire compiti non quotidiani, quali ad esempio uno "stop" prolungato nella medesima posizione. Oppure esercizi che lavorino sulla capacità di eseguire compiti non semplici, come ruote e capriole, con organicità (cioè con partecipazione organizzata ed efficace di tutto il corpo). Esercizi che facciano sperimentare i limiti dell'equilibrio; facciano provare la sensazione di portare il proprio peso fuori dall'asse verticale della colonna vertebrale.
Lo spazio - Altri esercizi-esperienza lavorano invece sulla conoscenza-esplorazione dello spazio. Equilibrare lo spazio come se fosse una schacchiera. Esplorare lo spazio ad occhi chiusi, guidati da suoni. Creare spazi con i corpi. Sapersi gestire in scena e avere coscienza di sè e del proprio movimento nell'ambiente.
Gli altri - Altre esperienze ancora vanno nella direzione di creare un gruppo che ragioni come un'entità unica, che lavori compatto e motivato, aiutando chi è in difficoltà, facendo emergere le qualità di ognuno non attraverso assoli, ma attraverso la collaborazione. Costruzioni di gruppo come "tableaux vivants", costruzioni di mondi sonori, esercizi di fiducia... strumenti per imparare a mettersi al servizio di un progetto comune e diventare consapevoli del proprio ruolo all'interno di una squadra (capacità quanto mai utili sia nel mondo attuale del lavoro che nel mondo della scuola).

Sono decine le esperienze pedagogiche diverse che il Faber Teater ha portato avanti in questi anni (da quelle con bambini di due anni e mezzo, a quelle con anziani in casa di riposo; da quelle con tossico-dipendenti in fase di cura, a quelle con disabili...), ma tre in particolare sono i progetti più corposi e sviluppati nel corso di più anni, che in qualche modo sono i più rappresentativi di questa filosofia di lavoro:
presso il Liceo "Pierre et Marie Curie" di Menton
presso il Liceo "Isaac Newton" di Chivasso
presso le scuole di Brandizzo, dalle scuole dell'infanzia alle scuole secondarie di primo grado.

Società cooperativa Faber Teater
località Baraggino, Campus delle Associazioni, casetta 7, Chivasso (To), Italia
www.faberteater.com - mail: info@faberteater.com